Corrado Santini ha partecipato all’inaugurazione del TRM

Lo scorso 20 giugno, Corrado Santini, senior partner di F2i specializzato nei settori dell’ambiente, delle energie rinnovabili e dei servizi idrici integrati, ha rappresentato F2i in occasione dell’inaugurazione a pieno regime del termovalorizzatore del Gerbido (Torino).

Attraverso F2i Ambiente, F2i – Fondi italiani per le infrastrutture SGR detiene una quota del 51% di TRM V SpA, società veicolo che controlla una quota dell’80% di TRM – Trattamento Rifiuti Metropolitani SpA.

F2i è uno dei più grandi fondi infrastrutturali al mondo dedicati ad investimenti in un solo Paese. Tra gli obiettivi principali del Gruppo guidato da Vito Gamberale, la creazione di filiere di settore in ambito infrastrutturale, finalizzata alla creazione di campioni nazionali. Attualmente, F2i è presente, oltre che nel settore del waste-to-energy, nel settore dei servizi idrici integrati, delle energie rinnovabili, delle telecomunicazioni, degli aeroporti, delle autostrade e della distribuzione del gas naturale.

Il termovalorizzatore inaugurato la scorsa settimana a Gerbido ha una capacità autorizzata di 421.000 tonnellate e consentirà l’approvvigionamento energetico di circa 175.000 famiglie. Si tratta del terzo termovalorizzatore a livello nazionale, per capacità, e di un impianto che risponde ai più moderni standard tecnologici, come ha voluto ricordare Vito Gamberale, Amministratore Delegato di F2i, in una lettera al Sindaco di Torino, al quale ha scritto: “è senz’altro un simbolo di vera evoluzione tecnologica e di servizio che è stato offerto al territorio, sempre storicamente all’avanguardia per il Paese. […]dobbiamo essere orgogliosi di rappresentare Soci, Istituzionali e Privati, che si sono presi l’impegno e la responsabilità di mettere a disposizione, per il territorio torinese un impianto di avanguardia, per l’Italia e per l’Europa, nel trattamento dei rifiuti”.

Corrado Santini ha partecipato all’inaugurazione del TRMultima modifica: 2014-06-27T10:31:23+02:00da corradosantini
Reposta per primo quest’articolo